Yucatan, un tuffo nella cultura Maya

Il fascino di una cultura dalle origini antiche e profonde: la penisola dello Yucatan, una delle mete più suggestive dell’America Latina, situata nella parte sud orientale del Messico, conserva tracce indelebili di una civiltà che affonda le proprie radici in un passato lontano e mitologico: quello dei Maya.

Chichèn Itza, nello Stato dello Yucatan, è il più famoso sito archeologico Maya. La meta non è consigliata a chi non ama il brivido dell’avventura: l’unico modo per raggiungerla è tramite dei bus locali guidati da personaggi spesso un poco “estrosi”, attraverso chilometri di strade immerse nella foresta.

E’ consigliata visitarla la mattina presto, prima dell’assalto dei turisti. Il sito è dominato da “El Castillo“, una piramide di 24 metri costruita in onore di Kukulkan, serpente piumato, dio del vento e della conoscenza.

Le quattro scalinate rappresentano i quattro punti cardinali. Nella scalinata nord, durante gli equinozi, si produce un miraggio ottico tale che i serpenti sembrano strisciare sulla piramide. Altri siti importanti sono quello di Uxmal, Kabah, Labna, Sayil, Xlapac.

Da non perdere durante il soggiorno nella penisola dello Yucatan la visita a Tulum, con le sue splendide spiagge colorate, dove può capitare facilmente di imbattersi in diverse specie di iguana. Non ha bisogno di presentazioni Cancun, luogo di svago e divertimento, meta affollata da americani e moltissimi turisti provenienti da tutto il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.