Cosa visitare a Bruxelles

Bruxelles è una città che stupisce chi la visita per la prima volta. Scorci incantevoli, maestose piazze, luoghi ricchi di arte e di storia, ottima birra. Sono solo alcuni dei motivi per cui vale la pena trascorrere una vacanza a Bruxelles.

La presenza delle più importanti Istituzioni Europee – la Commissione europea e il Consiglio dell’Unione europea – hanno determinato uno sviluppo anche in senso turistico oltre che un afflusso costante di persone in città. Ciò ha avuto una ricaduta sulle infrastrutture e sulle strutture ricettive.

Per quanto riguarda le prime Bruxelles è dotato di 2 aeroporti – Aeroporto di Bruxelles-Zaventem, situato nella municipalità di Zaventem, e dall’Aeroporto di Charleroi Bruxelles-Sud, posto vicino a Charleroi – e sarà quindi molto facile raggiungere la capitale belga.

Entrambi gli scali sono collegati al centro grazie a bus navette e treni mentre la mobilità cittadina è garantita dalla metropolitana e dagli autobus. Sono numerose le compagnie low cost che volano soprattutto sullo scalo di Charleroi.

Tuttavia il modo migliore per visitare Bruxelles e quello di camminare per il suo centro. Si può dormire in città in uno dei tanti alberghi sparsi lungo il territorio cittadino e si può approfittare delle numerose offerte volo+hotel e dei last minute così da spendere poco. Chi è alla ricerca di una soluzione ancora più economica può dormire presso uno dei tanti ostelli presenti in città.

La principale attrazione turistica di Bruxelles corrisponde anche al suo centro economico e culturale: la Grand Place. Considerata una delle più belle piazze del mondo, è stata inserita nella lista dei luoghi Patrimonio Mondiale dell’Unesco.
Al mattino si riempie di bancarelle del mercato di fiori mentre di sera viene illuminata di giallo. Da una parte si trova l’Hotel de la Ville mentre dall’altra c’è l’antica Casa del Pane. Gli altri edifici sono quelli delle corporazioni di arti e mestieri che si trovavano in città nei secoli scorsi – i commercianti, i birrai con tanto di museo, i sarti, i pittori – questa casa ospitò anche lo scrittore francese Victor Hugo. In piazza si ritrovano i giovani che, dopo il lavoro, vanno a sorseggiare una birra ed a consumare un aperitivo.

A soli 200 metri dalla Piazza si trova il simbolo di Bruxelles: il Mannequin Pis, ovvero il bambino che fa pipì. La leggenda narra che il piccolo Julien fece pipì su una miccia di bomba spegnendola e salvando la città belga dall’esplosione e dalla distruzione. E’ il monumento più fotografato della capitale. Altro punto di riferimento cittadino è l’Atomium, la singolare struttura che rappresenta un cristallo di ferro ingrandito, che si trova nella parte nord all’interno del Parco Heysel. E’ formato da 9 sfere enormi ognuna delle quali è in grado di ospitare mostre, concerti e convention.

Bruxelles ha anche diversi musei interessanti. Tra questi c’è quello di Belle Arti e quello del Fumetto. Il primo è in realtà un complesso che ospita più di 1000 dipinti, sculture e disegni divisi in diverse sezioni: il Museo di Arte Antica (XV-XVIII secolo),

quello di Arte Moderna (XIX – XX secolo), il Museo Wiertz e il Museo Meunier. Tra gli artisti esposti più importanti vi sono Rubens, Jordaens, van Dyck, Jacques-Louis David, Delacroix, Van Gogh, Gaughin e De Chirico. Il museo del Fumetto è immenso così come lo sono i fumetti stessi sparsi in tutta la città: a Bruxelles infatti sono nati i Puffi, Tintin, Lucky Luke, Zagor e molti altri personaggi che hanno fatto la storia del genere.

Per il divertimento c’è solo l’imbarazzo della scelta. Naturalmente sono da evitare i tanti ristoranti per turisti di cui è piano il centro e la zona intorno a Piazza Grande ed addentrarsi nella città più profonda.
Qui si possono gustare gli ottimi piatti di carne accompagnati da una delle birre più buone al mondo, a dispetto di una fama di gran lunga inferiore rispetto a quelle olandesi o anglosassoni. I locali serali dove dall’aperitivo fino a notte fonda ci si può divertire tra una birra, un drink e dell’ottima musica, si trovano intorno a Place Schumann e nelle zone di St Catherine e St Gery.
Si può trascorrere un’allegra serata anche all’antico mercato coperto oggi trasformato in un locale alla moda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.