Visitare Ostia Antica: un museo sotto il celo

La stagione ci invita ad uscire di casa, il tepore del sole ci suggerisce di fare due passi all’aperto ed è per questo che vorrei consigliarvi una meta straordinaria e, ho scoperto, ben poco nota.

Ostia Antica: la ritengo il più bel sito archeologico d’Italia e forse d’Europa. Malgrado la nostra terra trasudi di storia non ho trovato un altro luogo tanto ricco ed affascinante.
Fondata nel settimo secolo a.C. è stato il porto di Roma, città di scambi commerciali e di sfruttamento delle saline; è stata dunque fiorente e le rovine ancora ne lasciano intravedere l’antico splendore.

Come per molti siti archeologici, ci vuole un po’ di sforzo immaginativo, ma molte costruzioni sono decisamente in ottime condizioni (soprattutto se si pensa che sono passati più di 2500 anni dalla loro prima edificazione).

Il teatro, per esempio, è una delle prime meraviglie che vengono incontro al visitatore: costruito nel 1° secolo a.C., poi “rimodernato” (se posso usare questo termine!) nel 2° secolo d.C. , è stato oggi interamente restaurato ed è tutt’oggi utilizzato per la messinscena di varie opere: una cornice magica ed affascinante, dotata di un’ottima acustica, e per questo scelta per la realizzazione di spettacoli teatrali, di danza, di opere liriche e concerti.
Io ho avuto la fortuna di assistere, quasi per caso, all’esibizione (era una prova generale) di un quartetto d’archi… provate ad immaginare quale fantastica atmosfera.

Seguendo il decumano, la via principale, che attraversa la città si visitano poi i negozi e le relative abitazioni dei mercanti, una lavanderia, un tempio (il mitreo), ed un vero e proprio bar dell’antichità! Molti dei pavimenti sono ricoperti di mosaici in bianco e nero raffiguranti i simboli delle corporazioni, innumerevoli abitanti più o meno fantasiosi degli abissi, divinità e altri motivi decorativi.

Quasi al termine della vostra passeggiata vi troverete nella piazza principale, il foro, troneggiata dal Capitolium, il tempio della città e dalla quale si accede alle terme con le tipiche zone di calidarium, tepidarium e frigidarium.

Un vero e proprio tuffo nel passato.

Una passeggiata incantevole nel verde, fiancheggiati dai secolari pini tipici delle coste mediterranee che offrono un po’ d’ombra e di profumo (se poi ci andrete d’estate, non mancherà il concerto permanente delle cicale!).

E’ un luogo che non perdo occasione di visitare e di far conoscere ad amici, che pur vivendo a Roma, non hanno mai visto. Per questo ve ne ho voluto parlare, è davvero favoloso!

Capisco che per un turista sia una meta secondaria alle mille attrazioni che Roma offre, ma vi garantisco che ne sarete entusiasti.

Fra l’altro, la zona archeologica è aperta anche la domenica pomeriggio, quando quasi tutti i musei romani sono chiusi (mentre è chiusa il Lunedì) ed è anche ben collegata: il “trenino” che dalla Piramide Cestia (dove si trova una delle stazioni della Metropolitana romana) porta ad Ostia, ferma proprio vicino all’ingresso.

Che altro dire…

Buona passeggiata a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.