Visitare Pantelleria: La perla sconosciuta del mediterraneo

Quanti di voi sanno dove si trovi Pantelleria? Forse qualcuno ha sentito nominare questo comune di circa 7000 anime, e forse sa che si trova al sud Italia. E magari è a conoscenza del fatto che è un isola, una piccola perla nel bellissimo Mediterraneo, una località a noi vicina ma che spesso non si prende in considerazione semplicemente perché non la si conosce.

Grande circa quattro volte l’isola di Lampedusa, più conosciuta a causa degli episodi di cronaca, è spesso indicata come la “Perla Nera” del mediterraneo.
Si tratta infatti di un’isola di origine vulcanica, ricoperta integralmente da roccia nera derivante dalla colata lavica e per questo le spiagge non sono bianche come quelle caraibiche ma completamente nere, anche se non per questo scomode (tutt’altro!).
L’acqua, anche a causa dell’assenza di sabbia, è una delle più limpide e cristalline che possiamo trovare nel nostro paese, e proprio per questo motivo vale la pena di visitarla almeno una volta nella vita.

E Pantelleria non è solo spiagge: al suo interno è presente per esempio un lago di origine vulcanica, il Lago Specchio di Venere, che in alcuni punti raggiunge anche i 50° di temperatura, fornendo quindi acque termali.
La sua bellezza è così caratteristica che si dice che la Dea Venere stessa, in antichità, abbia fatto il bagno nelle acque di questo bellissimo lago. Le terme, peraltro, sono completamente gratuite, perché per entrare qui dentro non ci sono commissioni di alcun tipo.

Ma come si può raggiungere Pantelleria? Sull’isola è presente un piccolo aeroporto, ma forse il modo migliore per arrivare è quello di consultare gli orari dei mezzi di trasporto marittimi (traghetti Pantelleria)i.
La durata del viaggio è piuttosto lunga: sono infatti richieste circa 6 ore di traghetto per arrivare, ma sicuramente la vacanza e la possibilità di ammirare un luogo naturale unico come un’isola vulcanica vale decisamente l’attesa: una vacanza che difficilmente, anche negli anni a venire, riuscirete a dimenticare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.