Visitare i monumenti di Ravenna

Una delle città italiane più ricche di storia e monumenti è sicuramente Ravenna. Situata in Emilia Romagna questa provincia, facilmente da raggiungere in automobile e in treno, consente di fare un tuffo nel passato attraverso opere come le stupende Basiliche di Sant’Apollinare in Classe e di Sant’Agata Maggiore. La prima risale al VI secolo, si trova a qualche chilometro dal centro della città ed è dedicata al martire Sant’Apollinare, qui nel luogo in cui fu martirizzato, è stato collocato un maestoso e antico altare. Nella seconda basilica, realizzata nel X secolo, e modificata più volte nel corso dei secoli, si possono ammirare dei sarcofagi, alcune colonne e un campanile a base tonda, risalente al Cinquecento.

Ravenna però è famosa nel mondo perché ospita i resti mortali del sommo poeta Dante Alighieri in quello che si può definire il più celebre monumento funebre di Italia eretto dove l’autore della Divina Commedia ha vissuto gli ultimi anni della sua vita. Qui ci troviamo in pieno Settecento perché su commissionata in quegli anni dal cardinale Legato Luigi Valenti Gonzaga, sulla tomba quattrocentesca. Anche la lampada votiva che si trova nel tempietto è stata realizzata nel Settecento ed è alimentata da olio fornito dalla Toscana.

In questa città non si può fare a meno di visitare i bellissimi Giardini Pensili del Palazzo della Provincia e Cripta Rasponi. Si tratta di un giardino pensile che collegava in passato il palazzo agli edifici di servizio. La Cripta, che in realtà non è mai stata usata per la sepoltura della famiglia, ha un pavimento musivo del VI secolo proveniente dalla Chiesa di San Severo. Un altro luogo degno di attenzione è il Giardino Rasponi o delle Erbe Dimenticate un piccolo gioiello sito in centro cittadino circondato da possenti mura, dove all’interno di aiuole in stile ottocentesco sono coltivate erbe aromatiche.

Altre due cose non si possono trascurare se si parla di Ravenna. La prima è il mare, vicinissimo, la costa ravennate è lunga ben trentacinque chilometri ed è ricca di hotel per assicurare una vacanza al mare, sia d’estate sia d’inverno, hanno spiaggia privata, magari con parcheggio riservato o, come l’hotel Dafne a Ravenna con piscinaI Lidi Ravennati sono un altro fiore all’occhiello della provincia famosa come tutta la romagna per il suo turismo in grado di soddisfare tutti i gusti.

La seconda è il TAMO di Ravenna, sito nel Complesso di San Nicolò, dove si può vivere tutta la storia del mosaico che ha rappresentato uno dei pilastri intorno ai quali la città è cresciuta e si è sviluppata. Qui si trovano mosaici, eredità della conquista bizantina, di gran valore in un’esposizione inedita grazie all’utilizzo di nuove tecnologie touch che consentono di godere in pieno degli splendidi colori che fin dalla loro realizzazione, tra il V e il VII secolo, hanno conquistato appassionati e visitatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.